content top

Linux Presentation Day

Linux Presentation Day

Sabato 30 aprile si celebra in tutta Europa il Linux Presentation Day, una giornata che si pone l’obiettivo di far conoscere Linux ed il software libero al grande pubblico. Bibliolab Perosa e SLiP-Software Libero Pinerolo hanno collaborato per organizzare in questa occasione un ciclo di talk che si terrà presso la biblioteca comunale di Perosa Argentina a partire dalle ore 15, per scoprire cos’è Linux, conoscere Libreoffice e gli applicativi di produttività individuale free ed infine quelli che sono i maggiori strumenti per il coding in questo ambiente. Sarà nostro gradito ospite il Prof. Gianluca Tararbra, docente di informatica presso il Liceo Curie di Pinerolo. Durante la manfestazione ci sarà anche la possibilità di provare con mano il sistema operativo e gli applicativi di cui si parlerà. Trovate di seguito la locandina dell’evento. Vi aspettiamo...

Read More

Plank – Una dock bella e leggera

Plank – Una dock bella e leggera

Quando all’inizio degli anni 2000 la Apple, con la versione “X” del suo MacOS, introdusse la dockbar, questa divenne un oggetto di desiderio di molti “smanettoni”, che apprezzavano l’esteticità unita alla praticità di questo tipo di soluzione. Gli utenti windows erano abituati ad altre soluzioni, e spesso chi migrava verso il sistema operativo del pinguino cercava la rassicurante presenza di una taskbar a tutta larghezza con il pulsante del menu sulla sinistra e gli indicatori sulla destra. Con il passare del tempo e l’imporsi del Mac come “status symbol”, la richiesta delle dock per altri sistemi operativi cominciò a farsi sentire, e nacquero alcune soluzioni per Linux. Cairo Dock e Docky sono sicuramente quelli che hanno avuto maggior fortuna, restando però segnati da una eccessivà offerta di moduli aggiuntivi, che spesso portà la “potenzialità” ad essere vista come una minaccia ad una sempre più importante “semplicità” (Keep It Simple S…). Plank nasce come sorella minore di Docky e si propone (centrando l’obbiettivo) di essere una dock semplice ma funzionale e non troppo avida di risorse. Le sue peculiarità hanno fatto si che venisse assunta come dock predefinita in alcune distribuzioni Linux molto diffuse (Elementary OS, Ubuntu MATE in configurazione Cupertino, Antergos in versione Openbox per citarne alcune) e che guadagnasse sempre maggiore spazio tra quelli che volevano personalizzare ed ammoderare vecchi ambienti desktop. Chi volesse utilizzare Plank non deve per forza reinstallare un delle distribuzioni citate, se avete una distro basata su Ubuntu sono sufficienti tre righe di terminale per abilitare i repository ufficiali di Docky e installare Plank: sudo add-apt-repository ppa:ricotz/docky sudo apt-get update sudo apt-get install plank Inserite la password di amministratore quando richiesto è plank sarà installato. A questo punto è sufficiente avviarlo da menu o tramite il comando “plank”, comando che può essere inserito tra i programmi ad avvio automatico per renderlo ospite stabile del desktop. Per configurare Plank è sufficiente fare click destro sulla sua icona se presente, in caso contrario fare click destro in un angolo della sua base.  ...

Read More

ReactOS – Il lato chiaro della Forza?

ReactOS – Il lato chiaro della Forza?

Forse il titolo puo` sembrare un po’ roboante, ma il periodo e` propizio… Oggi vogliamo parlare di un progetto poco conosciuto, che nel silenzio ha rilasciato da poche ore la release candidate della sua versione 0.4, attesa da tempo da tutti i suoi sostenitori. Stiamo parlando di ReactOS, un progetto che si ripropone di creare un sistema operativo completamente open source che replichi totalmente le funzionalita` di Windows, con piena compatibilita` con Windows 2000, la prima versione con kernel NT (quello che e` alla base dell’attuale famiglia Windows) installato su sistemi desktop (prima di questa versione Windows NT girava quasi esclusivamente su server). Gli intenti sono nobili, purtroppo la carenza di investimenti rallenta lo sviluppo del sistema, ma un recente interessamento da parte del governo russo potrebbe cambiare la tendenza. ReactOS e` attualmente in stadio alpha, e ne e` sconsigliato l’utilizzo in sistemi produttivi, tuttavia e` sicuramente un sistema da provare e tenere d’occhio, soprattutto per chi ha necessita` di utilizzare applicativi Win32 ma non vuole comprare un nuovo PC per poter avere una versione di Windows ancora supportata (colgo l’occasione per ricordare che il supporto completo e` ad oggi garantito solo per Windows 8 e superiori). ReactOS non e` una distribuizione Linux in quanto si basa su un proprio kernel, ma e` legata a doppio filo al progetto WINE, con cui collabora e da cui riceve agggiornamenti. La home page del progetto e` disponibile a questo indirizzo, mentre la versione 0.4 RC1 e` scaricabile da Sourceforge -Link...

Read More

LINUX DAY 2015 – pubblicate le slide dei talk

LINUX DAY 2015 – pubblicate le slide dei talk

Nella pagina dedicata ai talk del Linux Day 2015 sono stati pubblicati i link alle slide degli interventi. Chiunque volesse rivedere gli argomenti trattati può scaricarle liberamente. Le slide sono rilasciate con licenza Creative Commons Attribution, Non Commercial, ShareAlike.   Buona...

Read More

Linux Day 2015

Linux Day 2015

Ormai e` ufficiale! Sabato 24 ottobre il Linux Day, manifestazione di carattere nazionale dedicata a Linux e al software libero avra` il suo evento locale anche a Perosa Argentina. Presso il Palaplan e il ristorante La Perosina si terranno talk e dimostrazioni relative al software libero, oltre a spazi dedicati ad attivita` per i piu` piccoli e al Linux installation party per chi vuole passare al lato libero dei sistemi operativi!   Trovate tutte le news e le informazioni alla pagine...

Read More

Elementary OS, il bello e la bestia (di velocita`)

Elementary OS, il bello e la bestia (di velocita`)

Un tempo le distribuzioni linux erano caratterizzate dalla scarsa attenzione all’estetica e all’esperienza d’uso a fronte di un focus sulla potenzialita`, risultando il classico sistema operativo da “Nerd” (vedasi Debian). Col tempo si e` capito che se si voleva raggiungere tutti gli utenti, bisognava farlo alle loro condizioni, cosi` abbiamo cominciato a vedere le varie Ubuntu, Mint, OpenSuse, che hanno portato una maggiore fruibilita` e godibilita` ai sistemi operativi, ed hanno cercato di accontentare tutti dotando il sistema di tutti gli applicativi che potrebbero essere utili (l’onnipresente Windows non fornisce pacchetti ufficio, clienti torrent e chat preinstallati), anche se a volte questo si traduce in una dotazione che accontenta tutti e nessuno allo stesso tempo (la prima cosa che penso quando installo un SO e` “adesso cosa tolgo per primo”…). Fortunatamente (OPINIONE PERSONALE…) ho visto in questi anni emergere delle distro che fanno quello che devono, cioe` fornire l’ambiente in cui lavorare, e lasciano all’utente la scelta del software aggiuntivo (peraltro semplicissimo da installare grazie ai software center), il piu` famoso tra questi (dati Distrowatch) e` Elementary OS. Elementary si basa sulle release LTS di Ubuntu, e garantisce quindi la massima affidabilita` in termini di sistema operativo, e arricchisce il tutto con Pantheon, un ambiente desktop sviluppato direttamente dal loro team, che propone un look and feel simile a MacOS X (ma, a mio avviso, graficamente molto migliore). Si aggiungono al tutto un set di applicazioni create per essere in linea con l’aspetto grafico di base e gestire le operazioni basilari, si tratta di Foto, Musica, Video, Posta e Midori (il browser web di default), queste app (dal nome che lascia facilmente intendere i loro usi…) sono le uniche presenti, in quanto sono le uniche che veramente servono a tutti! Un aspetto importantissimo di Elementary e` la leggerezza, provate come ho fatto io a installare la versione 0.2 Luna su un PC di 7 anni (l’ultima versione, la 0.3 Freya, non gira bene su macchine cosi` vecchie) e vi sembrera` di utilizzare un MacBook appena uscito dal negozio. Il primo approccio a Elementary potrebbe sembrare spiazzante (non esistono la scrivania e il tasto riduci a icona, non c’e` il menu Start) ma dopo qualche ora di utilizzo potreste innamorarvi di questo sistema operativo bello e veloce come raramente se ne vedono in giro. Elementary OS 0.3 Freya e` scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale di Elementary (vi chiede una donazione, ma potete impostare la cifra su zero), per PC con piu` di tre anni di eta` consiglio di utilizzare la 0.2 Luna scaricabile direttamente dalla pagina Sourceforge del...

Read More

Libreoffice – La suite libera per l’ufficio

Libreoffice – La suite libera per l’ufficio

Chiunque parli di free software non puo` astenersi dal nominare Libreoffice, uno dei piu` grandi successi del software libero, divenuto lo strumento ufficiale della maggior parte delle distribuzioni Linux attualmente disponibili. Libreoffice nasce nel 2010 come fork di Openoffice.org, di cui eredita parte del codice, in attesa di ottenere da Oracle (che aveva di recente acquisito Sun) la licenza di utilizzo del marchio. Quando cio` non accade, e Oracle da l’impulso alla nascita di Apache Openoffice, La Document Foundation prosegue sulla sua strada, arrivando negli anni a “seppellire” il concorrente. Libreoffice e` una suite da ufficio completa, formata da diversi moduli: -Calc, per la gestione dei fogli di calcolo -Writer, un word processor WYSIWYG -Impress, un editor di presentazioni -Base, programma per la gestione di database -Draw, editor di grafica vettoriale -Math, per elaborare complesse formule matematiche   Libreoffice, oltre ad essere compatibile coi principali formato delle office suite (compreso MS Office), e` in grado di creare e modificare file in formato Open Document, formato utilizzato tra gli altri dal governo Britannico, che garantisce l’interoperabilita` dei file e il mantenimento del formato su qualsiasi programma e piattaforma. Libreoffice risulta essere un dei programmi con la piu` bassa presenza di bug (valutata in termine di bug per linee di codice), ed e` disponibile gratuitamente per Windows, Macos, Linux e BSD.   Sito ufficiale di Libreoffice Sito della comunita` italiana Libreitalia...

Read More
content top